top of page
  • Immagine del redattoreAITR

Il 2022 di AITR: tra novità, ripartenze e nuovi progetti


Il 2022 di AITR: tra novità, ripartenze e nuovi progetti

Il 2022 per AITR è stato un ottimo anno, trascorso tra nuovi progetti, tante novità e attese ripartenze.


Quest’anno il turismo è finalmente ripartito, gli stranieri sono ritornati in Italia, gli italiani hanno ripreso a compiere viaggi e vacanze in Italia e all’estero. Ciò nonostante la pandemia non si possa ancora del tutto considerare conclusa e altre minacce e altri problemi siano emersi, la guerra in Ucraina che si aggiunge ai tanti conflitti in altri paesi del mondo, l’aumento del costo del volo e anche di tanti altri servizi turistici, l’impoverimento e le difficoltà economiche di ampie fasce della popolazione. Tuttavia la cessazione delle restrizioni sommata ad una grande voglia di viaggiare e all’accumulo di risparmi di un’altra parte della popolazione ha prodotto una forte ripresa dei viaggi, con buone prospettive per l’anno prossimo.


Che cosa è cambiato rispetto a prima; forse è ancora presto per indicare con chiarezza i cambiamenti.

Per due anni abbiamo compiuto piccoli viaggi e vacanze in luoghi vicini a casa, abbiamo praticato il turismo di prossimità. Si tratta di capire se si è trattato di un ripiego rispetto a scelte più esotiche che avremmo compiuto in assenza delle restrizioni ovvero se questa tendenza si consoliderà, avendo i turisti compreso che il pregio di una destinazione non deriva dalla distanza fra il luogo di partenza e il luogo di arrivo bensì da aspetti oggettivi, come il valore culturale e artistico del luogo, la gradevolezza del clima e dell’ambiente, la qualità dell’ospitalità e dei servizi, le esperienze attraenti che si possono compiere.


La nostra impressione è che la scoperta dei tanti meravigliosi borghi del nostro paese, i cammini e i percorsi di montagne del cicloturismo, letteralmente esploso grazie allo straordinario successo delle biciclette a pedalata assistita, siano destinati ad affermarsi ulteriormente. D’altra parte il loro sviluppo era già in corso anche prima della pandemia.


Nello stesso tempo riprendono con forza i viaggi verso destinazioni più lontane, viaggi già sognati nei due anni passati e ora finalmente possibili.

I nostri organizzatori di viaggio hanno ripreso in pieno la loro attività, hanno ritrovato i loro corrispondenti locali sopravvissuti ai due pesanti anni di chiusura (spesso senza ristori e senza la possibilità di puntare al turismo domestico), stanno ritrovando i loro viaggiatori fidelizzati cui altri si aggiungono. Si erano già visti segni della ripresa a maggio a Fa’ La Cosa Giusta, nei mesi successivi vi è stata la conferma.


I RISULTATI DELLA NOSTRA ASSOCIAZIONE


VIAGGIA RESPONSABILE con i soci AITR

Il 2022 è stato un anno importante e ricco di avvenimenti e di risultati per la nostra associazione, che nel 2020 e 2021 si è mantenuta viva e attiva grazie alle tante iniziative on line come il ciclo AITR Incontra.


La nostra Scuola di formazione Pina Sardella ha tenuto vari corsi propri e ha collaborato con parecchie Università, scuole, centri di formazione esterni.

La Scuola rappresenta un punto di forza per AITR, un’esperienza di grande qualità che svolge un ruolo prezioso di formazione, sensibilizzazione e indirizzo, rivolto ai giovani, che stanno riflettendo sulle proprie scelte di lavoro e anche a professionisti e piccoli imprenditori, che desiderano posizionarsi diversamente nella loro attività, orientandosi verso il turismo sostenibile e responsabile.


I PROGETTI DI COOPERAZIONE CONCLUSI E QUELLI AVVIATI


le buone pratiche di rispetto ambientale in ambito turistico

Abbiamo portato a termine dei progetti sia di cooperazione che di sviluppo in Italia, come Rockability in Umbria che ha prodotto risultati importanti sia sul piano metodologico (il forte coinvolgimento della comunità locale) che in termini di realizzazioni (il Parco Culturale Ecclesiale, il sistema dei percorsi nella storia e nella natura).


Abbiamo avviato altri progetti: i due Erasmus ATRE – agire per un turismo responsabile e Digital Story Doing , First Mile , Il COSME First Mile e tre con l’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo in Kosovo e Albania. Questi progetti sono profondamente diversi fra di loro ma condividono dei tratti comuni di grande rilievo:

  • la costante ispirazione a principi e buone pratiche di sostenibilità sia ambientale che sociale;

  • l’obiettivo di creare opportunità di lavoro soprattutto per giovani e donne; il sostegno alla creazione di reti che favoriscano la collaborazione;

  • il forte e costante coinvolgimento delle comunità locali.

  • In alcuni progetti abbiamo la possibilità di proporre forme di turismo esperienziale, di storytelling e soprattutto di occuparci dello sviluppo turistico di aree interne e poco conosciute, dove il turismo può certamente contribuire al contrasto dell’emigrazione e dello spopolamento, offrendo ai giovani un’opportunità di lavoro concreta e anche attraente.


I CATALOGHI: OSPITALITA’ RESPONSABILE, TURISMO SCOLASTICO E EDUCATIVO E TOUR OPERATOR


I nostri soci che gestiscono strutture ricettive hanno realizzato un catalogo comune della loro offerta: il catalogo Ospitalità Responsabile in Italia. Un risultato importante, conseguito grazie all’acquisita consapevolezza dell’opportunità di lavorare insieme per presentarsi all’esterno. Il catalogo mette in evidenza le buone pratiche di sostenibilità sia ambientale che sociale adottate dai nostri soci che gestiscono alberghi, ostelli, case per ferie, agriturismi, B&B, campeggi.


Anche i soci che organizzano viaggi all’estero e i soci che si occupano di turismo educativo e scolastico stanno rafforzando i loro rapporti di collaborazione e stanno producendo propri cataloghi collettivi;

Si tratta di risultati rilevanti, che si conseguono combinando la condivisione di valori, il senso di appartenenza associativa, la consapevolezza dell’importanza e dell’opportunità di fare squadra.


L’ASSEMBLEA ELETTIVA E LA PRESENTAZIONE DEL BILANCIO SOCIALE TRIENNALE


Abbiamo tenuto la nostra assemblea chiamata quest’anno a rinnovare gli organi dell’Associazione, in gran parte confermati nella loro composizione in una logica di continuità. Rafforzata la struttura anche se ancora non in modo del tutto adeguato alle necessità. Potenziata di molto l’attività di comunicazione che oggi dispone di mezzi diversificati, incisivi e anche nuovi come i podcast.

Crescono anche le relazioni e le collaborazioni con altre realtà con cui condividiamo valori e pratiche, come l’AIGAE, l’unione Nazionale delle Pro Loco, Cescot, il CERPA Italia Onlus, che ha grande esperienza e competenza sui temi dell’accessibilità, vari centri di formazione..


AITR continua a partecipare con grande impegno dei nostri soci al Festival IT.A.CÀ. Un festival che continua a crescere e che riscuote sempre maggiore successo sia in termini di territori coinvolti ( 24 tappe), sia in termini di associazioni impegnate nell’organizzazione degli eventi (360 nel 2022), numero dei visitatori, quantità e qualità della rassegna stampa e immagine in generale.


La fiera dell’economia solidale e del consumo critico Fa’ La Cosa Giusta e la BITAC, Borsa del Turismo Cooperativo, restano i nostri due appuntamenti annuali ormai consolidati, occasioni di incontri fra di noi e con tanti altri amici


LA PARTNERSHIP CON ISTO


LA PARTNERSHIP CON ISTO

Quest’anno si è tenuto anche il Congresso di ISTO, l’organizzazione mondiale di cui facciamo parte e in cui ricopriamo dei ruoli di primo piano come la Vice Presidenza.


ISTO celebrerà l’anno prossimo il 60esimo anniversario della sua costituzione, mentre AITR celebrerà il proprio Venticinquennale. Ci prepariamo dunque ad un anno di celebrazioni e già ci stiamo preparando con idee e proposte. Le celebrazioni non devono però limitarsi ad essere un rito che guarda al passato, alle acquisizioni, ai risultati, deve essere l’occasione per pensare il futuro, gli obiettivi, le strategie.


LE PROPOSTE AL GOVERNO


L’Italia ha ora un nuovo Governo, che presenta forti discontinuità rispetto ai Governi più recenti.

Noi abbiamo presentato alcune nostre proposte insistendo sulla necessità di favorire uno sviluppo del turismo basato sulla sostenibilità e chiedendo la prosecuzione delle politiche e delle azioni avviate da Governi precedenti, che riguardavano i Cammini, i Borghi, le aree interne e rurali, le ciclovie.


Abbiamo anche espresso le nostre preoccupazioni in merito al tema dell’energia; l’emergenza energetica rischia di far compiere passi indietro e di rallentare la transizione verso le fonti rinnovabili, che va invece proseguita con determinazione. Nel turismo, comparto fortemente energivoro, ci sentiamo impegnati in questa direzione. Ci troviamo di fronte a problemi enormi e di lunga durata e ognuno deve compiere la propria parte, anche con qualche sacrificio. Il cambiamento climatico sta assumendo dimensioni molto preoccupanti e sta provocando effetti devastanti, il turismo contemporaneamente ne soffre ma vi influisce anche in modo pesante. Ne discutiamo al nostro interno, ne parliamo con i colleghi di altri paesi, lo abbiamo indicato come una delle priorità di lavoro per i prossimi anni.


Ci prepariamo dunque ad un 2023 di forte impegno, possiamo contare su una base associativa che ha visto crescere di tanto la coesione e la collaborazione interna, stiamo rafforzando la struttura, possiamo contare su tante relazioni esterne sicure e preziose. Celebreremo con fiducia i nostri primi 25 anni.

Il 2022 per AITR è stato un ottimo anno, trascorso tra nuovi progetti, tante novità e attese ripartenze.




Post recenti

Mostra tutti

Comments

Rated 0 out of 5 stars.
No ratings yet

Commenting has been turned off.
bottom of page