Turismo responsabile – nuovi paradigmi per viaggiare nel terzo mondo

Facebooktwitterlinkedinmail

Nonostante la vastità del fenomeno e l’incredibile numero di persone che viaggia ogni anno (oltre 800 milioni gli arrivi internazionali, almeno otto volte tanti gli spostamenti entro confini nazionali, il genere umano in moto vorticoso) ancora poco noto al grosso pubblico è l’impatto che viaggi e questo settore è stato reclamizzato come panacea per la risoluzione di croniche difficoltà economiche. Senza negarne gli aspetti positivi, dopo cinquant’anni di sviluppo è chiaro però che il turismo ha portato con sé anche grandi contraddizioni.

Lo affermano ricercatori, giornalisti, ong, attivisti, oggi coordinati nel monitoraggio costante del fenomeno. Gruppi di studio e di azione che, in occidente e nel sud del pianeta, denunciano sfruttamento, devastazione culturale, neocolonialismo – la critica del turismo – indicando le alternative obbligate all’esercizio corrente.
Partendo dalle ragioni di fondo che ci spingono a viaggiare – siano esse di svago o più profonde – e sottolineando come, al contrario della porzione abbiente del globo, le popolazioni del Terzo Mondo si rechino all’estero quasi esclusivamente per emigrare, questo volume conduce il lettore dal panorama delle vacanze di massa, dove il turismo è spesso vuota esercitazione, alle esperienze in cui esso diventa consapevole.

Attraverso ed oltre il dibattito sul turismo consueto, così come oggi è concepito e gestito, con i suoi segmenti più popolari, emergono le proposte per restituire al viaggio – individuale o di gruppo, indipendente od organizzato da altri – le sue potenzialità migliori.

Completano il volume, che negli ultimi quindici anni è stato considerato un po’ il manifesto del movimento del turismo responsabile italiano, ed un classico sull’argomento, i più importanti Codici di Condotta e Carte dei Criteri elaborati da istituzioni internazionali, dall’industria turistica e dalle ong. Inoltre, per la prima volta: una breve storia di AITR, quell’Associazione Italiana Turismo Responsabile che oggi, nel nostro paese, è il riferimento essenziale del settore; una disamina ragionata dei tour operators attivi nel nostro paese che offrono proposte di vero turismo responsabile; ed infine una ricostruzione storica dellaCritica del Turismo Internazionale, dagli anni sessanta ad oggi.

copertina libro TR

Facebooktwitterlinkedinmail