Social Trekking (TERRE)

Facebooktwitterlinkedinmail

36 proposte per camminare insieme e fare rete in Italia e all’estero. Passeggiate, weekend o viaggi veri e propri per immergersi nella natura e vivere in modo più autentico i luoghi di vacanza, fermandosi a conoscere chi li abita.

Esiste un turismo dei sentieri, delle emozioni, dell’incontro. È il social trekking: camminare insieme per vivere i luoghi in modo più autentico, fermandosi a conoscere chi li abita.

 A piedi in Basilicata, per un bagno nelle acque cristalline di Maratea e una visita alla comunità arbërëshe, con i suoi antichi riti albanesi. O sulle scogliere della Sardegna, alla scoperta di una natura selvaggia e affascinante, ma anche delle donne che inventano piccole economie alternative per fermare l’emigrazione.

Dalla val Grande alle colline del Maramures, in Romania, dalla Via del ferro etrusca alla Ciudad encantada: passeggiate, weekend o viaggi veri e propri per camminare in compagnia, condividendo l’affanno silenzioso di una salita e il piacere di un tuffo rinfrescante, la sorpresa di un incontro e la meraviglia di un panorama.

Le proposte sono di due tipi.

Ci sono i i Viaggi di social trekking, a cura di guide, associazioni, cooperative, che hanno come comune denominatore l’incontro con l’altro, gli altri, e che durano da un fine settimana lungo fino a una decina di giorni. La maggior parte delle destinazioni è in Italia, o in Paesi a noi vicini, raggiungibili in aereo, ma anche in treno, in bus o in traghetto, per chi ha tempo e vuole ridurre al minimo l’impatto ambientale.

E poi ci sono le Esperienze di social trekking: proposte che non sempre (o non solo) consistono in viaggi veri e propri, ma che offrono soprattutto idee per camminare insieme e occasioni d’incontro, sia tra i partecipanti che con altre realtà sociali, e che implicano anche un aspetto “politico” del camminare. Spesso di tratta di associazioni che promuovono l’escursionismo in tutte le sue forme, dalle camminate nei quartieri cittadini a forte immigrazione, all’impegno per coinvolgere anche le persone con disabilità. Alcune proposte sviluppano progetti di ospitalità diffusa in aree poco conosciute, altre sono iniziative nate tramite il web e che in parte vivono di esso, ma che diventano un volano per coinvolgere persone ed energie.

Tutte contengono i contatti delle associazioni che organizzano le escursioni, le realtà che vi accolgono sul cammino, i posti caratteristici dove dormire.

Inoltre, consigli di lettura, film, musica e risorse web per prepararsi a ciascun viaggio.
Vai al sito dell’editore.

CL223x168_8509

Facebooktwitterlinkedinmail