Socio singolo

Nome
CUVDA - Consorzio Unico Valle D'Aosta
Indirizzo
P.zza Emile Chanoux 28/a
Città
Aosta
Regione
Valle D'Aosta
Paese
Italia
CAP
11100
Telefono
3473821551
Chi sono
Il Consorzio Unico Valle d'Aosta è un consorzio turistico, nato dalla Visione di 40 aziende valdostane, appartenenti e rappresentanti di 13 categorie scelte tra vari settori, che si sono unite in veste di soci fondatori, il cui scopo è impegnarsi pro-attivamente a svolgere l’attività di realizzazione di piani strategici per la rigenerazione e lo sviluppo armonico, culturale ed economico del territorio. Primo obiettivo è facilitare l'identificazione di identità focalizzate dei territori. La nostra Mission è quella di creare progetti a breve, medio e lungo termine che con un approccio cross canale incentrato sulle capacità di dialogo e confronto, favoriscano lo scambio e l’unione in rete degli attori presenti sul territorio, (reti d’impresa, enti pubblici, organizzazioni del settore culturale, dell’agricoltura,della ricerca, del terzo settore), agevolando le complesse relazioni che intercorrono tra progetto, visione, ed attuazione della stessa nel contesto fisico, a breve, medio e lungo termine. In sintesi, attraverso l'applicazione delle culture Rigenerative, procedere all’individuazione, alla valorizzazione ed alla facilitazione dello sviluppo armonico del capitale territoriale nella comunità. Miriamo con le nostre iniziative al creare spazi di immaginazione attiva, risorse nel presente e in movimento verso visioni collaborative di liberazione. La Vision turistica è la Rigenerazione , la Mission avviene attraverso l'attuazione strategica di progetti per la definizione identitaria dei territori. I principi rigenerativi per l'ospitalità stanno emergendo come il futuro del turismo con il potenziale per creare condizioni migliori per le persone. Rigenerare è rendere integro, guarire: E se nel turismo ci vedessimo una professione di guarigione? E se la nostra intenzione principale fosse quella di consentire la guarigione di persone, comunità e paesaggi?

Facebooktwitterlinkedinmail