Non voltarti dall’altra parte

Facebooktwitterlinkedinmail

Lo sfruttamento sessuale dei minori è un fenomeno agghiacciante che sta dilagando ovunque, anche nelle nostre piccole città di provincia.

Secondo le stime dell’UNICEF, quasi 3.000 bambine e bambini ogni giorno entrano nel mercato mondiale del sesso; dunque le nuove reclute dello sfruttamento minorile sono circa un milione all’anno – un milione di vite spezzate, distrutte, interrotte. Vittime di traumi continuati che spesso conducono rapidamente alla morte, o difficilmente permettono di recuperare a pieno la vita.

Milioni di bambine e bambini: vittime di sfruttamento per il sesso a pagamento, di compravendite in cui sono puro bene di consumo, di commerci dentro e fuori i confini nazionali in cui sono solo oggetti, di matrimoni forzati in cui sono prigioniere, di prostituzione e pornografia infantile in cui sono annientati.

Questa campagna, promossa da Tremembè Onlus congiuntamente all’Assessorato alla Cooperazione internazionale della Provincia Autonoma di Trento in collaborazione con altre Entità italiane e brasiliane, intende offrire un momento di riflessione su questo dramma e portare nuova linfa alla campagna promossa in tutto il mondo da ECPAT.

Lo strumento utilizzato per richiamare l’attenzione su questo raccapricciante fenomeno è la satira, scelta perché è un mezzo espressivo incisivo e fortemente comunicativo capace di mostrare le contraddizioni del comportamento umano, mettendone in luce le assurdità, le aberrazioni e le contraddizioni, e perciò promuovendone il cambiamento. Le vignette proposte sono state scelte secondo i criteri del bando internazionale promosso dallo Studio d’Arte Andromeda di Trento. Le opere vengono messe a disposizione di chi vuole riflettere su questa tematica, esaminarne le implicazioni e combattere questa violenza.

 

Facebooktwitterlinkedinmail

Comments are closed.