L’esperienza del turismo responsabile nei viaggi d’istruzione

Facebooktwitterlinkedinmail
foto scattata a Serra Guarneri ( Cafalù )- Palma Nana

Il viaggio di istruzione è una delle tante espressioni possibili del turismo responsabile. Come recita la definizione di AITR, “Il turismo responsabile è il turismo attuato secondo principi di giustizia sociale ed economica e nel pieno rispetto dell’ambiente e delle culture. Il turismo responsabile riconosce la centralità della comunità locale ospitante e il suo diritto ad essere protagonista nello sviluppo turistico sostenibile e socialmente responsabile del proprio territorio”.

In base a questa definizione, un viaggio di istruzione richiede un’attenzione particolare sugli aspetti ambientali, sociali. Questo può e deve, pertanto, contribuire a una maggiore consapevolezza sui modelli di consumo e a nuove forme di cittadinanza attiva da parte dei giovani.

Negli ultimi anni da parte delle istituzioni, dei dirigenti scolastici e degli insegnanti si è avvertita la necessità di attivare un cambiamento profondo della “gita d’istruzione scolastica”, uno strumento educativo, che appare a molti obsoleto.

La carta etica del turismo scolastico

La necessità di rinnovamento ci ha indirizzato verso la costruzione di un percorso di analisi e condivisione mirato alla creazione di una carta etica del turismo scolastico.

La carta punta a proporre, a dirigenti, insegnanti e studenti, alcune linee guida e suggerimenti a cui ispirarsi nella realizzazione dei viaggi di istruzione, tra cui misure per l’inclusione dei soggetti più svantaggiati, in particolare disabili e immigrati, che troppo spesso incontrano difficoltà nel partecipare alle attivi.

A fianco dei viaggi di istruzione scolastici, si sono inserite le proposte di collaborazione ai programmi di welfare aziendali di alcuni nostri soci, con la realizzazione di vacanze per i figli dei lavoratori, dove spesso oltre all’opportunità formativa si realizza l’unica esperienza di vacanza accessibile a un’ampia fascia di minori. Anche i campi estivi, infatti, rientrano in quelle esperienze educative e formative di viaggio, mirate a formare i giovani attraverso l’applicazione dei nostri principi.

I soci, che in AITR si occupano di turismo educativo e scolastico sono moltissimi. L’articolo è stato realizzato da Matteo Del Giudice, coordinatore del Tavolo di Turismo scolastico di AITR e Direttore del Tour Operator Outhere Tour.

QUI IL DOCUMENTO UFFICIALE “L’ESPERIENZA DEL TURISMO RESPONSABILE NEI VIAGGI D’ISTRUZIONE”


Facebooktwitterlinkedinmail