Il viaggiatore responsabile (Infinito Edizioni)

Facebooktwitterlinkedinmail

“Il turismo? Una cosa tremendamente seria: sposta ogni anno milioni di persone e dà lavoro ad altri milioni di persone”. Parola di Roberto Dati, autore per Infinito edizioni de Il viaggiatore responsabile. Un altro turismo in Africa, Asia, Medio Oriente e America Latina.

“Ma – continua Dati – visto che chi parte lo fa per incontrare altre persone e visitare luoghi sconosciuti, perché sprecare una simile occasione standosene barricati in hotel o sballottati da un’attrazione all’altra, anziché provare a comprendere almeno un po’ di quello che sfioriamo?”. Da questa considerazione è partito, all’inizio degli anni ’90, il fenomeno del turismo responsabile.

Retour è membro della famiglia AITR, che riunisce oltre 100 organizzazioni attive nel turismo responsabile – ha ben pensato di condensare in oltre 200 pagine di un libro scritto col piglio del grande viaggiatore un decennio d’esperienze e itinerari in tre continenti, corredando il tutto (cosa assai rara) con indirizzi e contatti delle organizzazioni locali (in Senegal come in Cambogia, in Nicaragua come in Siria), direttamente contattabili dal lettore che voglia uscire dal consueto (e poco etico) paradigma del turismo preconfezionato

“Il viaggiatore riesce a comunicare di rado con gli autoctoni che va a visitare. Ecco quindi la prima scommessa del turismo responsabile: rendere il viaggio uno strumento di comprensione e di dialogo tra culture e popoli”. Per far questo, il viaggiatore responsabile è chiamato a “smentire centinaia di pagine di sociologia dedicate a distruggere la figura del turista”, nella migliore delle ipotesi considerato “creatura” interessata alle “nature morte”, ovvero a musei e monumenti. Dati con il suo libro dimostra che i luoghi comuni possono essere abbattuti e che in un saggio-guida sul turismo è possibile incontrare Ousmane, Abdul, Sulayman, Solomon Sonko, Amandah, non solo come accompagnatori ma, finalmente, in quanto persone e punti d’arrivo di un ideale circuito attorno al mondo.
Luca Leone (giornalista, scrittore, editore)

Il viaggio ispirato ai princìpi del turismo responsabile è semplicemente un viaggio diverso dagli altri compiuto del rispetto di princìpi etici e di regole, ma deve essere una esperienza piacevole, gioiosa, divertente, che lascia un ricordo positivo e appagante. E, soprattutto, è un viaggio che consente un rapporto non superficiale ed effimero con la gente del posto” (dalla prefazione di Maurizio Davolio).

“La cosa che più resta impressa nella memoria, dopo aver scorso i racconti di Roberto Dati, è la galleria dei personaggi incontrati per strada. Ousmane, Abdoul, Sulayman, Solomon Sonko, Amandah… non sono soltanto accompagnatori e dispensatori di servizi utili per arrivare da qualche parte: l’impressione è che in qualche modo essi siano una meta in se stessa, o almeno una delle mete, dei punti di arrivo” (dalla postfazione di Lorenzo Hendel).
Il libro ha il patrocinio di AITR – Associazione Italiana Turismo Responsabile, che raggruppa 100 realtà nazionali e migliaia di iscritti.

L’AUTORE
Da sempre appassionato di politica estera, geografia, etno-antropologia e lingue straniere, ha ottenuto molti anni or sono l’improbabile titolo di perito tecnico per il turismo. Dopo la laurea in Scienze Politiche, conseguita all’Università degli Studi di Roma “La Sapienza”, si è specializzato in politica internazionale, lavorando successivamente nell’ambito della cooperazione e collaborando con note testate e case editrici, come autore e traduttore, su temi internazionalistici. Già incallito viaggiatore indipendente, approfondisce la conoscenza dei paesi del sud-est asiatico dopo l’incontro fatale con il turismo responsabile, avvenuto a fine anni Novanta, dei cui principi e della cui filosofia di viaggio diviene instancabile divulgatore, collaborando come esperto con diverse ONG in progetti di cooperazione, ideazione di itinerari turistici e mediazione culturale all’estero. Fonda a Roma, nel 2005, l’associazione Retour (della quale è presidente), che opera attualmente presso la Città dell’Altra Economia, l’innovativo esperimento di economia solidale avviato nei locali dell’ex-mattatoio di Testaccio.

Il viaggiatore responsabile
Un altro turismo in Africa, Asia, Medio Oriente e America Latina
di Roberto Dati
(Infinito Edizioni, Roma, 2009)

il_viaggiatore_responsabile

Facebooktwitterlinkedinmail